Arte, Cultura & Spettacoli

Giornata del Contemporaneo 2022

Amaci - Tempo di bilanci: 951 istituzioni per la 18^ edizione

La Giornata del Contemporaneo 2022 di sabato 8 ottobre 2022 va in archivio con numeri importanti: 951 aderenti in Italia e all’estero, tra musei, istituzioni e altre realtà legate all’arte contemporanea, con 1.065 eventi in Italia di cui 60 iniziative all’estero hanno aderito alla 18^ Giornata del Contemporaneo, la grande manifestazione promossa da AMACI – Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani che si è svolta lo scorso sabato 8 ottobre, con il sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura e con la collaborazione della Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Da diciotto anni la Giornata del Contemporaneo coinvolge musei, fondazioni, istituzioni pubbliche e private, gallerie, studi e spazi d'artista per raccontare la vitalità dell'arte contemporanea in Italia: un appuntamento atteso e intenso, che quest’anno ha dato vita a un calendario fittissimo e ricco di iniziative online e offline pensate per mettere in luce la rete di soggetti e di realtà che promuovono i linguaggi contemporanei e per rimettere in contatto il grande pubblico con l’arte contemporanea e i suoi protagonisti. Filo conduttore di questa edizione la riflessione sul tema dell’ecologia connessa a quello della sostenibilità, legate a doppio filo all’immagine guida di Giorgio Andreotta Calò (Venezia, 1979), Icarus (2021-2022), ultimo tassello di un articolato progetto realizzato dall’artista a partire dal 2019.

Voluto come da tradizione dalle Direttrici e i Direttori dei musei associati, l’artista veneziano ha scelto per la Giornata del Contemporaneo l’immagine di un giovane uomo che offre la sua mano come sostegno a una falena, creando un momento di comunicazione empatica tra specie, quasi un principio di metamorfosi al calar del sole. Nell’immagine l’imbrunire diventa il momento delle possibilità, quel territorio di passaggio tra il conosciuto e l’ignoto in cui un adolescente si trasforma in un giovane uomo e, spiegando per la prima volta le sue ali ancora fragili, accoglie la responsabilità di diventare adulto e volare solo nel mondo.

Dopo la sospensione del format ordinario dello scorso anno, quest’anno la Giornata è tornata in presenza registrando entusiasmo e partecipazione tanto da parte delle istituzioni, che degli addetti ai lavori, fino al pubblico di appassionati: la tradizionale open call ha registrato un tasso di adesione del +36% rispetto all’edizione dello scorso anno, aprendo al pubblico gratuitamente le porte fisiche e virtuali di più di 900 realtà, con un programma complessivo di più di 1.000 appuntamenti tra visite guidate, performance, iniziative speciali, nuovi contenuti, incontri. Fil rouge il tema dell’ecologia, connesso a quello della sostenibilità: urgenze globali che ci mettono di fronte alla necessità di ripensare il sistema dell’arte contemporanea tramite una rinnovata consapevolezza e una più diffusa sensibilità.

Grazie alla collaborazione con la Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, anche quest’anno la Giornata del Contemporaneo è stata estesa all’estero da sabato 8 a venerdì 14 ottobre 2022 e ha visto la realizzazione di 60 iniziative organizzate da Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura e altre realtà estere in tutto il mondo per sostenere l’arte contemporanea italiana fuori dai nostri confini nazionali.

Con l'edizione 2022, la Giornata del Contemporaneo conferma il ruolo che ha sempre avuto: un momento di enorme importanza per la conoscenza e la valorizzazione dell’arte contemporanea italiana sul territorio nazionale e internazionale, capace di coinvolgere il pubblico alla scoperta di musei, fondazioni, istituzioni pubbliche e private, gallerie, studi e spazi d'artista facendo così emergere la rete diffusa delle realtà culturali che promuovono con vigore i diversi linguaggi del nostro tempo.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)