Arte, Cultura & Spettacoli

Bart van der Heide, si presenta

''Il Museo? Un ponte tra passato e futuro''

Un ponte tra passato e futuro. E' questo il "museo" secondo Bart van der Heide, futuro direttore di Museion si è presentato alla stampa. Assumerà il ruolo di direttore di Museion il primo giugno 2020, ma già a partire da questo autunno inizierà le ricerche e il lavoro preparatorio per il programma futuro di Museion..

Van der Heide, che ha recentemente ricoperto il ruolo di curatore capo e responsabile per la ricerca presso lo Stedelijk Museum di Amsterdam, succede a Letizia Ragaglia. Nell’incontro, Bart van der Heide - introdotto da Marion Piffer Damiani, Presidente di Museion -  ha ricordato la fama di cui gode Museion a livello internazionale, per il suo programma, nuove acquisizioni e produzioni.

''Museion è un luogo che permette di lavorare a stretto contatto con gli artisti e le artiste e offrire loro un ambiente capace di stimolarli alla sperimentazione e a progetti ambiziosi''.

Van der Heide ha poi parlato della sua visione del museo d’arte contemporanea nella sua funzione di ponte tra il passato e il futuro - non può esistere contemporaneo senza lo sguardo rivolto da una parte alla storia e dall’altro verso il futuro. In questo senso, il futuro direttore ha sottolineato il ruolo fondamentale della collezione, come archivio di infinite storie possibili da cui trarre narrazioni sul presente e futuro. Non si tratta solo di esporre il contemporaneo, ma di creare rilevanza; solo se le mostre sono rilevanti – integrano quindi i diversi pubblici e si connettono con altre realtà e istituzioni- sono veramente contemporanee.
Bart van der Heide

“Bart van der Heide ha convinto il Collegio sia per le sue esperienze di successo in rinomate istituzioni artistiche che per le sue visioni su un ulteriore sviluppo di Museion con nuovi formati espositivi, oltre ad un’attenzione particolare agli aspetti del sociale e del pubblico.” - sottolinea la Presidente di Museion, Marion Piffer Damiani.

Bart van der Heide è stato direttore del prestigioso Kunstverein di Monaco, che sotto la sua guida ha conosciuto una crescita notevole con numerose prime mostre personali e nuove produzioni di artiste e artisti sia emergenti che affermati.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati