Arte, Cultura & Spettacoli

La Sardegna di Lisetta Carmi

Al Museo MAN di Nuoro una protagonista della fotografia italiana

Il MAN Museo d’Arte Provincia di Nuoro dedica una grande antologica dedicata a Lisetta Carmi (Genova, 1924), una delle più significative protagoniste della fotografia italiana del secondo dopoguerra. In questa pagina la donna col maialino che Lisetta Carmi immortalò a Irgoli nel 1962 (© Lisetta Carmi, courtesy Martini & Ronchetti).

La mostra del MAN,  aperta il 26 giugno resterà aperta fino al 25 ottobre 2020 a cura di Luigi Fassi, porta alla luce un capitolo largamente inedito della fotografia di Lisetta Carmi, quello dedicato alla Sardegna, riunendo centinaia di scatti in bianco e nero realizzati tra il 1962 e il 1976 durante numerosi e ripetuti soggiorni in Sardegna.

Completa il percorso espositivo una serie inedita di diapositive a colori che ritraggono i paesaggi della Sardegna dell'interno, tra boschi, fiumi e laghi colti nella loro dimensione più arcana ed evocativa. La mostra sarà accompagnata da un ampio catalogo monografico edito da Marsilio e corredato da molteplici saggi critici.

L'evento si inserisce nell’ambito della ricerca condotta dal MAN sulla relazione tra i grandi fotografi italiani e la Sardegna, un dialogo estetico che prosegue il lavoro fatto con la retrospettiva dell’anno scorso sull’opera del fotografo Guido Guidi  (Cesena, 1941). E' stato notevole il successo di pubblico. Il percorso espositivo in 232 fotografie inedite ha testimoniato la relazione di Guido Guidi con il territorio sardo, ripreso una prima volta nel 1974 e successivamente nel 2011. Un racconto antropologico e paesaggistico in bianco e nero dagli anni Settanta alle opere a colori degli anni Duemila.

 

Lisetta Carmi
a cura di Luigi Fassi
26 giugno - 25 ottobre 2020
 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)