Viaggi & Reportages

Primiero: ''Germogliare'' il festival del benessere

Fino al 26 giugno 2021 a Mezzano di Primiero

Mezzano, 21 giugno 2021 - Benessere fisico e spirituale: attorno a questa tematica si sviluppa il ''Festival Germogliare. Semi per un nuovo modello di salute'' fino al 26 giugno 2021 a Mezzano di Primiero, fra i Borghi più Belli d’Italia del Trentino.

E' la prima edizione, ma questo festival crescerà perchè al benessere e ad una vita meglio allineata con la natura aspiriamo tutti. Specie ora che la pandemia ci mostra l'urgente necessità che l'essere umano ritrovi una sua dimensione naturale in un pianeta che è stato sconvolto dall'attività umana.

Ognuna delle 7 settimane di festival, ruota attorno ad un tema (i “Semi”, per l’appunto), coinvolgendo adulti e bambini. Il Festival ha debuttato il 14 maggio parlando di medicina tradizionale cinese, poi è toccata alla Settimana del buon cibo, la Settimana della salute nell’arte, la Settimana della qualità della vita e la Settimana dell’equilibrio (14 - 20 giugno).

La prossima è edicata al momento più magico dell’anno, il Solstizio d’estate, l'ultima settimana del Festival Germogliare che ha animato Mezzano di Primiero dal 14 maggio. La manifestazione, durata 7 settimane, si conclude il 25 e 26 giugno con un ospite d'eccezione e uno spettacolo finale di musica e danza. Il panorama, le passeggiate di Mezzano con i suoi orti, le cime dolomitiche danno a questo festival la cornice ideale per fermarsi a pensare la natura e come tornare ad essere "naturali" specie in un  momento come quello attuale.

 

Mezzano è il paese degli orti e quindi il luogo ideale per proporre  attività volte a promuovere un più consapevole stile di vita.

A fare da filo conduttore al Festival –organizzato dal Comune di Mezzano di Primiero in collaborazione con il Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino -  i principi della Salutogenesi, teoria sviluppata negli anni ‘70 dal sociologo e medico Aaron Antonovsky e mirata alla ricerca dei fattori che promuovono la salute e allo star bene che ognuno di noi ha dentro di sé.

''La salute si crea a partire dagli stili di vita che adottiamo, dalle persone che incontriamo, dalle attività che intraprendiamo. Per questo è fondamentale promuovere tutte quelle strategie che possono migliorare ulteriormente benessere e salute, dall’alimentazione all’attività fisica, dalle emozioni all’uso terapeutico dell’arte e dei colori'' spiegano i promotori. "Perché la salute si costruisce ininterrottamente da quando nasciamo a quando invecchiamo".

 

Noi abbiamo seguito la settimana dedicata alla qualità della vita che ha riservato un posto di riguardo alla narrazione, o meglio alla fiaba. Anche in questo caso un tema perfettamente coerente con la storia di Mezzano che con la "Sedia Rossa" ha fatto della narrazione un prodotto turistico (> leggi qui).

''Le fiabe ci fanno bene'' afferma un affabulatore che la sa lunga: Claudio Tomaello, professione “narratore teatrale” intervenuto al Centro Civico per una serata molto interessante, rivolta agli adulti.

Confessa di aver scoperto la propria voce e la propria vocazione al narrare mentre camminava tra i pini di un bosco finlandese. Da allora racconta storie e spiega che le fiabe ci aiutano a vivere. “Narrare è un’arte sublime e concreta, che può davvero cambiare le nostre prospettive: una storia, a volte, è più preziosa di qualsiasi medicina”. Al Festival ''Germogliare'' ha spiegato come agisce la fabia, il cerchio magico che crea e come agisce sugli adulti, sui bambini e sul bambino che è in noi.

“La tradizione dice che le storie esistono da prima della creazione del mondo, ma avevano bisogno degli uomini per essere raccontate. Lo stesso vale per le lingue sacre e le loro parole” spiega Tomaello. E la Bibbia è maestra di narrazione. ''La Genesi non è un semplice racconto cronologico dell’inizio del mondo, ma una cartografia di ciò che accade dentro ognuno di noi''.

Claudio Tomaello a Mezzano (foto cperer)

La sua è una passione e nelle serate dal vivo insegna che parlare di fiabe è andare dritti alla conoscenza di sé perchè la fiaba è uno specchio. ''Di più è un meraviglioso tessuto e le trame sono date dai simboli che la fiaba racchiude”.

Formatosi  in narrazione e improvvisazione teatrale, Tomaello ha iniziato nel 2007 a raccontare fiabe agli adulti per mostrare che le fiabe parlano di noi, delle nostre dinamiche interne e che il loro linguaggio simbolico offre lampi di intuizione e nasconde scrigni di saggezza.

Finora ha fatto 12 di questi cicli, in diverse città (Vittorio Veneto, Venezia, Valdobbiadene, Salzano) ed ora è la special guest di Mezzano e del nuovo festival ''Germogliare'', dove strappa applausi e risate, ma soprattutto genera riflessioni nel  pubblico che resta rapito dalla sua simpatia.

Tomaello è anche uno scrittore di racconti e testi (info > qui). Ha studiato ebraico biblico, e nel suo sito spiega che grazie alla donna che ama ha poi incontrato Rudolf Steiner  e la Scienza dello Spirito. “Questo incontro è stato così prezioso che non ho ancora trovato le parole adatte per descriverlo”.
Quando le troverà sarà sicuramente uno spettacolo.

(corona perer)
 

**

PROSSIMI EVENTI 25 e 26 giugno
il Solstizio d’estate, l'ultima settimana del Festival

venerdì 25 giugno è il dottor Stefano Manera, che darà ai presenti consigli pratici per affrontare un’estate all’insegna della buona vita, dell’importanza del sole, dell’aria aperta e della gioia.  Tema dell’incontro sarà  “Riflessioni su una possibile medicina illuminata”. Il dottor Manera è non solo un medico chirurgo specializzato in anestesia e rianimazione, ma anche un medico curioso e appassionato ai vari aspetti del benessere dell'uomo. Pratica da anni la Medicina integrata e funzionale con un approccio che rispetta la relazione tra corpo, mente e spirito e con un'attenzione particolare alla prevenzione primaria. Durante l'emergenza Covid ha prestato servizio come volontario all'ospedale papa Giovanni XXIII di Bergamo. E' stato uno dei primi medici a definire e applicare delle efficaci cure precoci domiciliari. L’appuntamento è al Centro Civico alle ore 20:30 (costo 2€, prenotazione obbligatoria al numero 3497397917).

Sabato 26 giugno alle ore 15:00 sempre al Centro Civico sarà messo in scena Risonanze, uno spettacolo che unisce danza, euritmia, musica e poesia. Sarà lo spettacolo di chiusura del Festival Germogliare e traghetterà alla perfezione l’estate di Mezzano verso la prossima importante rassegna, l’undicesimo Festival Mezzano Romantica, che prenderà il via il 3 luglio (spettacolo gratuito, prenotazione obbligatoria al numero 349-7397917).

A causa delle restrizioni vigenti è necessario prenotare la partecipazione alle attività.
Per le serate è richiesta una quota di partecipazione di 2 € (gratuito fino ai 21 anni).

 

 

LE ATTIVITA'

Si va dai corsi di cucina ai laboratori di pittura, con attività all’aperto (quali Tai Chi, meditazione, movimento, danza), passeggiate guidate che permetteranno di mettere in pratica gli insegnamenti e le indicazioni avute durante le conferenze. Si riscopre, ad esempio, come la semplice attività del camminare nei boschi sia fonte di benessere fisico, che sarà arricchito durante le passeggiate dal racconto di esperti su erbe, bacche, fiori, alberi, animali e tante altre curiosità. In programma anche una serie di appuntamenti pensati appositamente per i bambini, narrazioni teatrali nell’antico Tabià della Gemma (un antico fienile) che evidenzieranno l’importanza delle fiabe nel nostro quotidiano, e uno spettacolo finale di musica, danza e poesia nel bosco in compagnia delle lucciole dal titolo “Risonanze”.

IL PROGRAMMA

Dopo la prima settimana di introduzione generale al Festival,  la Settimana della medicina tradizionale cinese (17 -23 maggio), la Settimana del buon cibo (24 - 30 maggio), la Settimana della salute nell’arte (31- 6 giugno), la Settimana della qualità della vita (7- 13 giugno), la Settimana dell’equilibrio (14 - 20 giugno), la Settimana del Solstizio (21- 27 giugno), momento magico dell’anno in cui le ore di luce sono al loro massimo e – si dice - si rinsalda il vincolo fra lo spirito individuale e l’anima del mondo.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)