Attualità, Persone & Idee

I decreti caducabili di Giuseppi

E' ufficiale: i dpcm di Mr. Conte erano incostituzionali

''Regalo di Natale agli italiani'' avevamo scritto il 24 dicembre 2020. Secondo il Tribunale di Roma i decreti che limitano le nostre libertà sono "viziati da molteplici profili di illegittimità": per questo sono "caducabili", cioè da annullare. Una data da segnare, dunque, dopo mesi di autocertificazioni, contraddizioni, proclami in diretta tv.

Ma il Giudice, chiamato a esprimersi su un contenzioso in cui è finito un esercizio commerciale da sfrattare per morosità a causa del mancato pagamento canoni per la chiusura imposta dai divieti nell'ambito dell'emergenza Coronavirus,  è arrivato alla conclusione che i Dpcm "siano viziati da violazioni per difetto di motivazione" e "da molteplici profili di illegittimità".

Pertanto, in quanto tali, risultano essere "caducabili". Ovvero non producono effetti reali e concreti dal punto di vista giurisprudenziale, sono da annullare. I decreti con cui è intervenuto il governo non sono "di natura normativa" ma hanno "natura amministrativa". Quindi dovrebbero fare riferimento a una legge già esistente.

Staremo a vedere che succede...avevamo scritto nel dicembre 2020.

Ebbene è passato un anno e non è successo ...nulla.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)