Babi Badalov, How Many Languages
Babi Badalov, How Many Languages
Arte, Cultura & Spettacoli

Eliografie incomplete a Kunst Merano Arte

Il 2022 della galleria meranese

Kunst Meran Merano Arte è un’associazione artistica senza scopo di lucro, con sede presso un edificio storico nel cuore di Merano. È uno spazio e una piattaforma per l'arte e architettura contemporanee e non intende esserne solamente un luogo di presentazione, ma piuttosto sostenerne lo sviluppo, la produzione e favorire un dibattito intorno a esse attraverso mostre, conferenze, residenze d’artista, workshop e numerose altre iniziative. Oltre all’arte e all’architettura, le sue più recenti ricerche concernono anche letteratura, musica, fotografia e nuovi media.

Anche nel 2022, la programmazione di Kunst Meran Merano Arte conferma la sua intenzione di allontanarsi da rigide distinzioni tra arte locale e internazionale, giovane e di generazioni precedenti, ricerche affermate e meno note, sempre sostenendo una stretta collaborazione con gli artisti e le artiste. In alcuni casi, questa collaborazione diventerà un modo per far luce, o addirittura rivalutare, il lavoro di altre personalità artistiche.

Sarà questo il caso, ad esempio, della mostra con cui si aprirà il programma espositivo di quest’anno, Eliografie, incomplete curata da Ursula Schnitzer, in cui Elisabeth Hölzl è stata invitata a indagare da una prospettiva artistica il lavoro di un’altra artista, Gina Klaber Thusek, e a rileggere il proprio a partire da questo confronto.

Questa fusione tra due retrospettive porta così alla creazione di un nuovo insieme, inaspettato, che mostra le opere di entrambe sotto una nuova luce. Gina Klaber Thusek è un ottimo esempio dei cosiddetti artists' artist, cioè di quegli artisti particolarmente apprezzati da altri artisti. In mostra, Elisabeth Hölzl propone una visione artistica tanto del proprio lavoro quanto di quello di Gina Klaber Thusek, ponendo interrogativi sullo sviluppo della ricerca e sulle modalità attraverso cui vengono trattati i differenti materiali e media. Con questa esposizione, prosegue anche l’impegno di Merano Arte nell’ampliamento della storia artistica e culturale del territorio includendo narrazioni mancanti, come accade spesso soprattutto in ambito femminile.

Seguirà la collettiva TOGETHER - Interact, Interplay, Interfere, curata da Judith Waldmann, dedicata al tema della comunità. In essa, l’interesse da parte degli artisti per la società e le sue condizioni ricoprirà un ruolo centrale. La mostra sarà anche una meravigliosa testimonianza di come l’arte possa essere caratterizzata, piuttosto che da una fruizione passiva e contemplativa, da un’esperienza attiva. Si porrà inoltre come ottimo esempio di come si possano superare distinzioni rigide tra lavoro artistico, curatoriale e educativo.

Il programma espositivo del 2022 terminerà con Turning Pain into Power, sempre curata da Judith Waldmann, incentrata su temi sociali critici. Ciò che accomunerà le personalità artistiche coinvolte sarà il fatto di aver sviluppato strategie volte non solo a sottolineare le diseguaglianze sociali ma anche a contrastarle.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)