Viaggi & Reportages

Feste del Vino: il Palio delle Botti 2019

Saranno Sabbionara di Avio ad ospitare la finalissima

Dopo 11 anni la finalissima del Palio delle Botti tra Città del Vino,  competizione itinerante nata da un'idea dell'Associazione Nazionale Città del Vino, ritorna ad Avio, dove si era svolta la seconda edizione.

"Una richiesta approvata con gioia - come specifica il Presidente dell'Associazione Nazionale Città del Vino Floriano Zambon nella lettera in cui si comunica la notizia al Sindaco di Avio Federico Secchi - considerando le capacità organizzative e di accoglienza che da sempre contraddistinguono la vostra festa".

Da venerdì 6 a domenica 8 settembre Sabbionara di Avio ospita la 19° edizione della kermesse che propone un fine settimana tutto da vivere, tra rievocazioni storiche, corti gastronomiche ed eventi alla scoperta del mondo del vino.
L'evento, che fonde un'anima enogastronomica a coinvolgenti contenuti storico-culturali, si svolge ad anni alterni ad Avio e Sabbionara di Avio, in Vallagarina, dove l'Adige raggiunge e oltrepassa i confini con il Veneto. La 19° edizione si terrà proprio nella frazione sede dello splendido Castello di Avio, storico bene del Fondo Ambiente Italiano (FAI).

Il Palio Nazionale delle Botti, nato da un'idea dell'Associazione Nazionale Città del Vino per festeggiare nel 2007 i suoi primi venti anni di attività, è un appuntamento ormai "classico" che anima le terre del vino crescendo di anno in anno. La gara consiste nel far rotolare una botte da 500 litri lungo un percorso compreso tra un minimo di 600 metri ad un massimo di 1500 metri di lunghezza, che deve attraversare le vie della Città del Vino ospitante. Ad Avio e Sabbionara di Avio, in particolare, alla gara di spinta, che si svolge con una barrique da 225 l, si aggiungono altre tre specialità: la pigiatura dell'uva scalzi, il riempimento della botte e lo slalom femminile.

Sono quattro le prove con cui sono chiamati a misurarsi gli atleti. Oltre alla tradizionale spinta della botte lungo le vie del centro, valida ai fini della classifica generale nazionale, vi sono infatti altre tre competizioni: lo slalom femminile con le botti, la pigiatura dell'uva scalzi e il riempimento della botte, che si conclude tradizionalmente in un bagno collettivo.

Uva e Dintorni nasce nel 2001 con l'obiettivo di creare un importante evento tematico nel territorio trentino. La manifestazione, organizzata grazie al supporto di istituzioni, sponsor privati e oltre 400 volontari, si svolge, alternativamente, un anno nel Comune di Avio e un anno nella frazione di Sabbionara di Avio ed è in grado di attirare oltre 20 mila visitatori provenienti soprattutto da fuori provincia (www.uvaedintorni.com).

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)