Viaggi & Reportages

Vacanze dello spirito

Al Monastero di Bose (Biella)

Fondato da Enzo Bianchi che, negli anni Sessanta, riuniva nella sua casa di Torino un gruppo di preghiera aperto anche ai fedeli di altre chiese cristiane, il Monastero di Bose è da tempo luogo di incontro fra le religioni, ma è anche un luogo dove è possibile staccare la spina e trascorrere una vacanza dell’anima.

I monaci come un tempo pregano e lavorano. Sono monaci contemporanei e anche se molto è cambiato dall'idea classica del monachesimo classico potremmo dire allo stesso tempo che nulla è cambiato: coltivano l’orto, producono manufatti artigianali, scrivono libri e pubblicazioni. Al mattino, a mezzogiorno e alla sera, celebrano la liturgia delle ore, mentre durante l’anno ci sono approfondimenti sulla Parola di Dio, esercizi spirituali e lezioni d’ebraico e di greco antico.

Chi decidesse di fare una sosta dalla vita anche per pochi giorni, non deve però sentirsi turista e aspettarsi servizi alberghieri. Una vacanza in monastero significa rispettare le regole della comunità: è indicata quindi a chi il Vangelo già lo pratica (in valigia quindi bisogna infilare una Bibbia, oltre alle lenzuola per letto e toilette) e disporsi anche ad affrontare un altro orologio che è quello scandito dallo Spirito. Dunque è una vacanza indicata per chi se la sente di mettersi in ascolto e fare silenzio, per fare spazio alla parola e alla meditazione. Per chi una sosta vuole farla davvero.

Troverà una natura bellissima, dentro un complesso affascinante, immerso nel verde. Si può soggiornare per uno o più giorni, durante il weekend ma anche in settimana. Basta telefonare e concordare il soggiorno ( tel. 015-679185) quanto hai costi non c'è una quota fissa: si lascia un’offerta a seconda delle possibilità economiche. Il Monastero di Bose ha anche altre sedi in Italia: oltre a quella di Bose, frazione del comune biellese di Magnano  ci sono altre comunità ad Assisi, Cellole di San Gimignano, Civitella San Paolo (Roma) e Ostuni. Si può scegliere quindi dove soggiornare e se essere ospitati da soli, oppure  arrivare con tutta la famiglia per una vacanza in un luogo di pace e di confronto.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)