Attualità, Persone & Idee

Queen Elizabeth e la Brexit: intrigo horror

di Margherita Vitagliano

(foto e testo di Margherita Vitagliano) - Ah... se solo Shakespeare fosse vivo! Altro che Amleto... secondo me scriverebbe un altro capolavoro, non un testo di alta drammaturgiane ma un film con nomination agli Oscar come migliore sceneggiatura. Almeno ci sarebbe un inizio ed una fine a questo dramma tutto British! Una storia ambientata nella moderna Inghilterra, che lascia senza fiato, intrighi e sangue innocente versato.

"Deal or not deal, that is the question" scriverebbe oggi William Shakespeare che potrebbe optare non solo per un film, ma anche per una lunghissima soap-opera a puntate per la tv, magari anche una sit-com da pre-telegiornale della sera. Purtroppo dietro le quinte di questo dramma c'è la gente comune, la persone oneste e vere alle quali non importa se essere in Europa o meno, importa solo avere una dignità e un lavoro.

Ma quale potrebbe essere la trama di questa sit-com? Eccola: una nazione abituata a vincere e ad ottenere tutto quello che vuole solo con uno schiocchio di dita, abituata a comandare e a dettar legge al mondo intero, si trova ad affrontare qualcosa più grande di lei. Il popolo ha fame ma non ci sono le brioches - come in Francia - ci sono invece i baked beans (fagioli in scatola) e tirare a fagioli non e' certo  la stessa cosa. Ad un certo punto la nazione, sempre più oppressa dalla comunità europea, si sente senza potere e cerca una via di scampo, e un referendum ne cambierà per sempre le sorti. Dopo due anni di strette di mano, rinvii e viaggi andata e ritorno /Bruxelles, comincia il caos, persino l'omicidio della parlamentare Jo Cox contraria alla Brexit. E poi dimissioni reali e anche solo annunciate. Ma un colpo di scena finale sbloccherà la situazione. La regina in persona stanca di questa assurda situazione si giocherà il tutto utilizzando una umilissima  Margherita. "Deal or not deal....Deal or not deal...".

E mentre si attende l'ultimo petalo e l'ultima a puntata della sit-com, attendiamo anche noi il 12 Aprile per chiudere questo copione, in diretta mondiale su tutti i TG armati di pop-corn come al cinema. O con un piatto di fagioli in scatola davanti alla tv.


Autore: Margherita Vitagliano

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati