Viaggi & Reportages

Veneto, la via dei Papi

Il grande successo dei cammini a tema

(nella foto Lorenzago di Cadore) - C'è un sorriso rimasto scritto nella storia della Chiesa: quello di Giovanni Paolo I. Le sue radici erano a Canale d’Agordo, ancor oggi meta di pellegrini e curiosi. Una casa semplice e robusta. Giovanni Paolo I nel suo breve pontificato conquistò il mondo. Giovanni Paolo II giovane e anziano con il bastone, percorreva i sentieri di Lorenzago, nella “sua montagna”. Anche Benedetto XVI amava trascorrere le sue vacanze in questa graziosa località. E forse pochi sanno che il Cadore diede i natali anche ad un altro Papa, Gregorio XVI, nato nel 1765 a Mussoi, frazione di Belluno. mna veneto era anche Pio X pontefice proclamato santo nel 1954.

Un legame forte quello tra il Bellunese (e il Cadore in particolare) con i Papi. Per questo legame nel bellunese è nata  la “VIA DEI PAPI”, un tracciato che attraversa quasi interamente la Provincia di Belluno, interessando sentieri e tracciati dei fondovalle dei torrenti Cordevole e Boite, nonché del fiume Piave creando un cammino del pellegrino che, passando attraverso località che hanno visto compiersi la maturazione personale e spirituale in particolare di papa Luciani e di papa Wojtyła, permette al “viandante” di visitare il territorio bellunese e di favorire dell’ospitalità offerta.

Il miglior modo per fruire del percorso è naturalmente a piedi, ammirando gli splendidi paesaggi dolomitici prima e lagunari poi. Per chi ama le due ruote, lunghi tratti anche montani sono percorribili in bicicletta. Il tracciato utilizza strade di scarsa percorrenza e piste ciclabili, esistenti o in previsione, in modo da permettere al pellegrino di percorrere meno strada possibile soggetta a traffico, mitigando possibilmente i salti di quota a favore di pendenze dolci o pianeggianti. Le tappe sono state previste su tratte non superiori alle 4/5 ore in bicicletta e alle 9 ore a piedi. 

I torrenti Cordevole e Boite, assieme al fiume Piave, accompagnano il tracciato. Grazie al Cordevole è possibile cogliere gli elementi di pregio culturale della Valle Agordina da Listolade fino alla confluenza con la Valbelluna; il Boite collega tutto il territorio del Cadore, dal paese di Lorenzago fino a Longarone e Ponte nelle Alpi, con un itinerario che guida alla scoperta della Valle del Piave, sviluppato ad anello attorno alla Valbelluna, interessando la destra Piave fino alla città di Feltre per poi risalire lungo la sinistra del fiume.

Il percorso è costituito da due rami che partono dal Cadore e dall'Agordino e si congiungono a Belluno. Da qui poi prosegue attraverso la provincia di Treviso e si conclude a Venezia. Alcuni luoghi del tracciato possono essere raggiunti anche attraverso percorsi alternativi a quello segnato, oppure, con deviazioni dal percorso di poche centinaia di metri, è possibile raggiungere anche i siti vicini di particolare pregio sia ambientale che storico-monumentale.

Il ramo nord-orientale parte da Lorenzago di Cadore e Pieve di Cadore, luoghi prediletti del beato papa Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI, per poi dirigersi verso Longarone e Belluno, città natale di Gregorio XVI, nato Bartolomeo Alberto Cappellari, dove incontra il ramo occidentale. Quest'ultimo invece inizia da Canale d'Agordo, città natale di Albino Luciani, poi papa Giovanni Paolo I, e seguendo il percorso del torrente Cordevole passa per Valle Imperina e costeggia la magnifica Certosa di Vedana, terminando infine anch'esso a Belluno.
Dalla città capoluogo, passando per Santa Giustina il percorso porta verso Feltre e il santuario dei santi Vittore e Corona, antico e importante luogo di fede. Successivamente, si prosegue per Mel dove si può ammirare il bel castello, si supera il passo Prademenego e si giunge a Vittorio Veneto, la diocesi di Pio X, dove si lasciano i monti per addentrarsi nella pianura. Il tragitto entra quindi nella provincia di Treviso e tocca Riese Pio X, il paese natale di Giuseppe Melchiorre Sarto, poi papa appunto col nome di Pio X e ultimo pontefice ad essere proclamato santo, nel 1954.

Le quindici tappe del cammino tra le valli del Piave e del Cordevole conducono al naturale capolinea di Venezia, diocesi del patriarca Angelo Roncalli che è diventato poi papa col nome di Giovanni XXIII.

info@viadeipapi.org

 

 

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)