Viaggi & Reportages

Turismo lento: camminare tra gli ulivi

Sono 124 le Città dell’olio

Sono 124 le Città dell’olio che in tutta Italia hanno partecipato alla terza edizione della Camminata tra gli olivi, promossa dall’Associazione nazionale Città dell’olio. Sono 17 le regioni italiane – dalla Lombardia alla Sardegna –che hanno aderito.

Il numero dei Comuni che offrono un’esperienza immersa nel paesaggio degli oliveti testimonia che l'evento piace: sposa la formula del turismo sostenibile e del racconto di un sapere genuino, legato al territorio e alla qualità di un prodotto autentico.

“Offrire un prodotto autentico, di alta qualità e saperlo raccontare significa percorrere una strada che incontra il turista e i suoi desideri - sottolinea Enrico Lupi, presidente delle Città dell’Olio –  Il turismo d’esperienza è in continua crescita nel nostro Paese e rappresenta un patrimonio per le economie locali, con la riscoperta di una civiltà olivicola millenaria, identità e radice storica delle nostre Città dell’Olio”.

Nel 2018 infatti il 37% dei turisti ha visitato un frantoio, mentre il 69% ha dichiarato di volerlo fare. Sono dati presentati da Roberta Garibaldi nel suo Rapporto sul turismo enogastronomico italiano, dati che testimoniano una crescita potenziale di enorme valore economico per i territori e per la produzione dell’olio. E la Camminata tra gli olivi rappresenta un’occasione anche per raccontare storie avvincenti, offrire esperienze enogastronomiche indimenticabili e incontrare chi vive ogni giorno in oliveto.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)