Attualità, Persone & Idee

Lavorare in agricoltura: assunzioni e corsi

Ritorno alla vita agricola: piace sempre più ai giovani

L'emergenza Covid19 ha portato con se è il problema del lavoro e allo stesso tempo la mancanza di manodopera.

Una risposta per incrociare domanda e offerta e rispondere al mercato del lavoro in campo agricolo, viene dall'Agenzia del Lavoro in Trentino che in collaborazione con le Associazioni di categoria dell’Agricoltura (Confederazione Italiana Agricoltori, Confagricoltura, Coldiretti, Associazione contadini Trentini) che ha attivato anche quest’anno la raccolta delle candidature di lavoratori disponibili a lavorare nel settore.

La raccolta è stata avviata a partire dal mese di marzo: ad oggi, sono oltre 1.500 le persone candidate alle liste per la stagione 2020. L'anno scorso gli iscritti sono stati complessivamente 1246.

L’iniziativa consente agli imprenditori agricoli di richiedere personale attingendo da liste sempre aggiornate di persone disponibili a lavorare in agricoltura. Le liste dei candidati sono suddivise in 4 ambiti occupazionali: raccolta della frutta e vendemmia, coltivazione frutteto e vigneto, allevamento e cura del bestiame, raccolta piccoli frutti.

Per richiedere personale basta andare alla pagina dedicata (> qui) che consente l'incontro tra domanda e offerta di lavoro del Centro per l'impiego e il supporto nella selezione dei candidati.

Chi invece volesse candidarsi a lavorare nei campi potrà farlo alla pagina (> qui) dedicata a chi aspira ad un lavoro diverso e per certi versi sicuro (il distanziamento qui è la norma).

Per maggiori informazioni  domanda.offerta.adl@agenzialavoro.tn.it

In Alto Adige hanno invece pensato ad un corso per gestire una malga. La gestione proficua delle attività legate al pascolo e all’alpeggio richiedono personale qualificato. A tal fine l’ufficio parchi naturali, in collaborazione con la scuola professionale agraria e di economia domestica di Teodone e con la ripartizione foreste, organizzano un apposito corso formativo per la gestione di una malga sia per persone con radici contadine, che per tutti gli interessati.

L’ottava edizione di questo corso si svolgerà in 8 moduli, probabilmente nel periodo maggio-settembre 2020 nel parco naturale Vedrette di Ries-Aurina. Le malghe costituiscono un tassello importante del paesaggio colturale altostesino ed è importante salvaguardarle. Qualora la situazione legata all'emergenza da Coronavirus dovesse protrarsi, il modulo previsto per il 7-8 maggio 2020 verrà posticipato. I corsisti saranno debitamente informati.

info: fs.mairamhof@schule.suedtirol.it

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)