Scienza, Ambiente & Salute

Lavorare in agricoltura: ecco come candidarsi

Ritorno alla vita nel campo: piace sempre più ai giovani

I giovani tornano all'agricoltura e sentono il fascino di una professione nobile, pesante anche e carica di professionalità, ma dal profilo molto umanizzante: l'agricoltore. E anche in Trentino dove la ricerca tecnologica, l'innovazione, l'alta formazione, l'università, le nuove tecnologie sono ormai preponderanti, il fascino di questa professione antica registra un trend in crescita.

È in pieno svolgimento la chiamata dalla lista costituita per lavorare nel settore dell’agricoltura in risposta alle difficoltà manifestate dal mondo agricolo nel reperimento di manodopera per la stagione 2019. Sono 1.092 le persone che dallo scorso giugno si sono candidate dando disponibilità al lavoro: si tratta di aspiranti lavoratori agricoli che, interessati ad ampliare le proprie possibilità di assunzione, sono stati presi in considerazione.

Molti sono stati selezionati dai Centri per l’impiego dell’Agenzia del Lavoro o dalle associazioni di categoria di settore, per conto degli agricoltori e imprenditori agricoli che fatto loro richiesta di personale. La lista dei candidati è in costante monitoraggio, aggiornamento e messa a disposizione degli imprenditori agricoli, i quali possono fare affidamento sui Centri per l'impiego sul territorio per fruire di un servizio d’incontro domanda e offerta mirato alla ricerca del candidato rispondente al proprio fabbisogno di manodopera.

L'Agenzia del Lavoro, ricorda alle persone già candidate l’importanza di mantenersi reperibili ai contatti telefonici ed email comunicati all’atto della candidatura e agli imprenditori agricoli di fare richiesta di personale attingendo dalla lista, incoraggia anche nuove persone interessate a candidarsi all’ultima fase dell’attività agricola della stagione estiva 2019.

I profili ricercati riguardano la raccolta della frutta e della vendemmia, la coltivazione e il dirado, l'allevamento del bestiame. Attualmente pervengono ampie disponibilità di assunzione, soprattutto nelle attività di raccolta mele in Val di Non. Come candidarsi? Clicca qui

Numerosi anche i corsi di formazione ed aggiornamento per operatori agricoli interessati alla qualificazione professionale in agricoltura, sono realizzati annualmente dalla Fondazione Edmund Mach. Si tratta di progetti di formazione e di aggiornamento rivolti sia ai giovani che si insediano in agricoltura, sia agli operatori agricoli ma anche programmi di integrazione tra agricoltura, turismo, territorio ed ambiente e di informazione, di sensibilizzazione di categorie non agricole (circa 80 iniziative all’anno che coinvolgono più di 1500 persone).

E' quindi possibile migliorare il livello di professionalità e di competitività delle imprese agricole e forestali; favorire una formazione continua, contestualizzata, individualizzata e interattiva; migliorare il livello di conoscenza e di capacità degli agricoltori e dei selvicoltori in merito alla progettazione dello sviluppo aziendale e all’utilizzo dei fondi comunitari e nazionali, tramite interventi “su misura” per gli imprenditori.

Quanto agli investimenti per nuove aziende negli ultimi 4 anni sono stati concessi complessivamente dalla Provincia ben 365 premi per un ammontare complessivo di 14 milioni di euro. La dfficoltà è semmai  reperire nuovi terreni coltivabili. Per ovviare al problema è nata in Trentino la "banca della terra".


Per maggiori informazioni: www.agenzialavoro.tn.it
 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)