Attualità, Persone & Idee

CAMON POST - La scarcerazione di Brusca

''S'io fossi Ministro della Giustizia...'' - di Ferdinando Camon

S'io fossi Ministro della Giustizia, Brusca non sarebbe libero.

Due anni fa, nel 25esimo anniversario della strage di Capaci e di via D'Amelio, è successo che un boss della mafia sia stato ucciso  a Palermo. Aveva a sua volta ucciso un capitano dei carabinieri ed era stato condannato all’ergastolo, ma poi era stato liberato. Chi ha firmato la scarcerazione? Non so. Se fossi ministro della Giustizia, mi farei dare i 3-4 nomi che hanno liberato il mafioso assassino di un servitore dello Stato. Nella lotta tra mafia e Stato, quei nomi non sono innocenti.

Da poco abbiamo celebrato i 29 anni e Brusca, reo confesso di aver azionato il comando che uccideva il giudice Falcone, la moglie, la scorta esce Brusca.

Poniamo pure che fosse un diritto collettivo, la riduzione dell’ergastolo a 30 anni (25 per Brusca) ma uno Stato che ha il primo nemico nella mafia dovrebbe escludere i mafiosi assassini dalle norme premianti.

S'io fossi ministro, partirei da qui. Ma forse è per questo che non sono ministro.


Autore: Ferdinando Camon

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati