Attualità, Persone & Idee

Sandro Pertini: gli uomini per essere liberi

Padre della Repubblica, Presidente ancora molto amato dagli italiani

Al Quirinale il giorno della sua elezione in un caldo giorno di luglio ci andò a piedi, cordiale e disponibile con tutti. Per tutti i suoi sette anni continuerà a ricordare la Resistenza, non come un disco rotto fermatosi allo stesso punto, ma come un continuo sprone: capire "come" e "per chi" nacque la Repubblica era a suo avviso fondamentale.

Fu un faro, resta un faro. Fosse qui, sarebbe ancora a predicare perchè l'Italia che auspicava ancora non c'è. Cosa avrebbe detto dei privilegi, di un portavoce che guadagna più di un premier, dei conti salatissimi del ristorante di chi oggi governa l'Italia, degli scandali che ancora ammorbano il nostro paese? Dei giovani che fuggono se hanno coraggio e cervello e di quelli che restano a dibattersi senza lavoro e senza certezze? Degli operai defraudati del lavoro? Possiamo solo immaginarlo.

Un piccolo prezioso libro uscito a 20 anni dallo scandalo di Mani Pulite ricorda proprio i richiami alla moralità di quello che resta il presidente più amato nella stra degli italiani. Il libro dovrebbe essere letto soprattutto dai giovani, perché Sandro Pertini amava parlare a loro e da loro si attendeva una Nuova Italia.

Il libro "Gli Uomini per essere liberi" porta la sua firma perché dentro ci sono i suoi pensieri. Riordinati e curati da Pietro Perri, vicepresidente della Fondazione Sandro Pertini, costituita dalla moglie Carla Voltolina il 23 settembre del 2002 (a 12 anni dalla morte del compianto Presidente e nei giorni in cui avrebbe compiuto 106 anni). Un volumetto che diventa un sorso di acqua fresca per uomini assetati.

E' soprattutto ben congeniato:Pietro Perri lavora sulle lettere private e sui discorsi pubblici (alcuni passati alla storia per la loro fermezza) di Sandro Pertini ed ogni brano è subito contestualizzato ma continuamente intrecciato con l'oggi. L'autore sembra guidarci a dire "cosa" Pertini avrebbe detto dei nominati, di un Parlamento svuotato della sua sovranità, dei corrotti e degli affaristi.

Ne esce un testo fondamentale a capire l'origine di tutti i mali. Pertini già dieci anni prima di Mani Pulite parla della mani sporche. Ci sono tutti i mali di oggi, tutto ciò che non è stato fatto, i valori che si sono persi per strada, primo fra tutti l'onestà e la rettitudine, continuamente nel pensiero di Pertini non come predica, ma come esortazione.

Nel libro si respira il vero concetto di libertà e democrazia, un messaggio che oggi resta modernissimo per il carico di delusione che si è posato sulle nostre spalle, per il bisogno che abbiamo di individuare parole davvero illuminanti e piene di speranza.

Sandro Pertini le possedeva. L'amara constatazione è che siamo rimasti fermi di almeno 50 anni. Possiamo ripartire? Sì, ma non senza ideali. Sandro Pertini, grazie alla rilettura intelligente e all'ordinatissimo lavoro redazionale di Pietro Perri, ce li offre. E' lì a ricordarci cosa possiamo essere, attraverso le struggenti lettere alla madre (che chiederà la Grazia mentre lui è in prigione e che lui rifiuterà) e attraverso le parole rivolte al cognato Umberto Voltolina.

"Sii sempre in ogni circostanza un uomo libero e pur di esserlo sii pronto a pagare qualsiasi prezzo e vivrai la tua vita e crederai in essa come sempre vi ho creduto io" gli scrisse Sandro Pertini. "Così, mio giovane fratello ed amico, parlando con te, ho ritrovato me stesso e cercando di rasserenare l'animo tuo ho rasserenato il mio".

Dalla prima all'ultima riga, le parole di Pertini vanno in un unica direzione, una sorta di vialetto dove sono stati piantati meravigliosi fiori: percorrendolo vi si incontra il fiore dell'onestà, della coerenza, del coraggio, dell'impegno, della libertà da ogni interesse, dell'amore per una vita intensamente vissuta e di senso. Dove  "...o credi o non credi, o ami o non ami".

Sandro Pertini da Savona, classe 1896, politico, giornalista, antifascista italiano, era così: tutto d'un pezzo. Destinato a diventare il Settimo (e in assoluto il più amato) Presidente della Repubblica dal 1978 al 1985, sale al Quirinale nell'anno in cui hanno da poco assassinato Aldo Moro. Il paese è sotto choc, e anche la sua elezione sembra un dei tanti rituali di una Repubblica a pezzi. Ma in realtà fin dai primi passi gli italiani capiranno di poter trovare in lui conforto.

Ecco l'effetto di questo libro: che cercando di rasserenare il desiderio incompiuto di un'Italia matura e diversa, onesta e dignitosa, alla fine ci rassereniamo. Leggetelo, meditatelo.
(Corona Perer)

 


Autore: Corona Perer

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)