Viaggi & Reportages

Racines, il castello dei 12 camini

Castel Wolfsthurn oggi museo provinciale della caccia e della pesca

E' chiamato il castello dei 12 camini e si trova a Racines (Bz). Le sfarzose stanze barocche del secondo piano, conservatesi con gli arredi originali, offrono uno spaccato della vita nobiliare del XVIII e XIX secolo. Un esempio ideale di architettura barocca condito alla passione per i giochi numerici: Castel Wolfsthurn ha 365 finestre, 52 porte, 12 camini e 4 portoni - un'allusione agli anni con giorni, settimane, mesi e stagioni. Lo storico tirolese Johann Nepomuk Tinkhauser ha descritto la dimora come "il più bel castello del Tirolo" nel 19° secolo.

La sua storia parte nel XVIII secolo quando Franz Andrä della famiglia nobiliare von Sternbach acquisì Castel Wolfsthurn a monte di Mareta e fece costruire fra il 1727 e il 1741 l'attuale castello che è ancora oggi di proprietà della famiglia.

 

Castel Wolfsthurn ospita locali espositivi su tre piani. Le sale nobili al secondo piano sono conservate com'erano in origine e danno un'idea della vita della nobiltà del XVIII e XIX secolo.

Si offre una panoramica della vita nobiliare  grazie agli arredi originali in stile barocco della residenza. In parallelo viene raccontata anche la storia del castello e della nobile famiglia che qui vi ha sempre vissuto e tuttora ne è proprietaria.

Oggi è Museo provinciale della caccia e della pesca. E' stato aperto nel 1996 come sezione distaccata del Museo provinciale degli usi e costumi di Teodone. L’esposizione, che veicola la storia culturale del territorio altoatesino, è al primo piano del castello. Al piano inferiore si possono ammirare esamplari della fauna locale.

In zona è possibile fare bellissime passeggiate lungo il sentiero tematico “bosco e acqua” che inizia presso la chiesa parrocchiale di Mareta e conduce in circa 1 km fino al castello.

 

Il castello visto dal basso dalla chiesa di Mareta

 

Per accedere al Castello, conoscere orari di apertura e delle visite guidate: www.wolfsthurn.it

Raggiungere Racines è semplice: con il treno si arriva alla stazione di Vipiteno e da qui si prosegue in autobus o con un servizio taxi fino alle strutture di soggiorno. In estate è attivo un servizio di taxi a chiamata che permette di raggiungere tutti i punti di partenza per le tue escursioni e alla sera passa a riprendere il turista per per riportarlo in albergo.

Fare una sosta regalerà sorprese anche sotto il profilo del gusto: a Racines il mangiar bene è di casa e l’offerta gastronomica accontenta anche i palati più esigenti  tra tradizione e innovazione, cucina regionale e internazionale. Perchè? Perchè siamo in una delle Alpine-Pearls dove si coltiva il turismo di qualità, sostenibile e green, e dove la gastronomia a km 'zero' è una regola perciò si nutre di prodotti locali e delle tradizioni alpine più autentiche.

 

Per maggiori info su Alpine Pearls
www.alpine-pearls.com 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)