Viaggi & Reportages

L'Alpe Cimbra è ufficialmente una Perla Alpina

Sale a 10 il numero di destinazioni Alpine Pearls in Italia (sono 21 in Europa)

L’Alpe Cimbra è ufficialmente una Perla Alpina. Con l’ingresso del comprensorio dell’Alpe Cimbra sale a 10 il numero di destinazioni Alpine Pearls in Italia (in totale sono 21). L’associazione, con sede in Austria e località associate anche in Germania, Svizzera e Slovenia, è impegnata dal 2006 a promuovere sull’arco alpino un turismo all’insegna della sostenibilità.

''La novità è che si tratta della prima località che entra con lo status di Perla candidata”  spiega Peter Brandauer, Presidente dell’associazione e Sindaco di Werfenweng (Austria), villaggio modello per la mobilità dolce. Con l’adesione di questa destinazione Trentina, si apre la strada a località che ancora non soddisfano al 100% i severi criteri di Alpine Pearls sul tema mobilità, ma sono impegnate a promuovere un turismo in montagna sempre più in sintonia con l’ambiente e hanno in cantiere progetti innovativi per incentivare una vacanza in armonia con la natura.

La candidatura è stata perseguita con grande convinzione dai comuni di Lavarone, Folgaria e Lusérn. Il Lago di Lavarone sta ricevendo l’ambito premio della Bandiera Blu d’Europa e moltissime sono le iniziative portate avanti con la Biblioteca di Lavarone per sensibilizzare attraverso laboratori specifici i bambini residenti o ospiti per le vacanze sul tema della sostenibilità.

L’Azienda per il Turismo dell’Alpe Cimbra ha colto con grande entusiasmo la candidatura ad Alpine Pearls, puntando su turismo slow, al forte abbinamento tra storia, cultura e tradizioni, e alla valorizzazione del rispetto dell’ambiente alpino e della sostenibilità anche attraverso eventi specifici come il Festival del Gioco e la Fiaba Regna, rivolti alla sensibilizzazione su queste tematiche attraverso il gioco dei piccoli ospiti della località.

L’adesione dell’Alpe Cimbra alle Perle delle Alpi conferma l’importanza degli sforzi fin qui fatti per la tutela e valorizzazione del territorio, promuovendo un equilibrio tra uomo e ambiente. Aderendo alle Alpine Pearls i tre comuni inaugurano una nuova stagione d’investimenti che danno priorità assoluta alla sostenibilità energetica, ambientale e sociale. Il Comune di Luserna - Kamou vo Lusérn, ultima più piccola comunità germanofona cimbra del Trentino, persegue modelli di sviluppo capaci di valorizzare turismo culturale, storico-linguistico ed ambientale in modo sostenibile. Con la volontà di chiudere alla mobilità motorizzata, inquinante e rumorosa.

Peter Brandauer sottolinea che i valori che ispirano Alpine Pearls corrispondono - oggi più che mai -  a quello che il turista cerca: località che garantiscono la mobilità sostenibile e forme di turismo lento, e l’ingresso in questa progettualità di sistema contribuirà ad accelerare lo sviluppo di questi processi virtuosi nei territori.

 

**

Le Perle delle Alpi:  

Germania: Bad Reichenhall, Berchtesgaden

Austria: Hinterstoder, Mallnitz, Neukirchen am Großvenediger, Werfenweng, Weissensee

Svizzera: Les Diablerets, Disentis/Mustér

Italia: Alpe Cimbra, Ceresole Reale, Chamois-La Magdeleine, Cogne, Forni di Sopra, Funes, Limone Piemonte , Moena, Moso in Passiria, Racines

Slovenia: Bled, Bohinj


Autore: Corona Perer

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)