foto_Paolo_Riolzi._Archivio_MUSE
foto_Paolo_Riolzi._Archivio_MUSE
Scienza, Ambiente & Salute

10 anni di MUSE

2023, un anno da incorniciare

Dieci anni di MUSE. Attivo, attrattivo, memorabile, i tre aggettivi che lo rendono speciale. Inedita commistione tra museo di scienze naturali e science centre, il MUSE ha saputo fin da subito porsi quale punto di riferimento per la museologia contemporanea e centro di aggregazione culturale per il territorio.

Il 2023 è stato un anno da incorniciare. L’anno del decennale è stato festeggiato lo scorso 22 luglio e si chiude con presenze e numeri da pre-pandemia: in 10 anni hanno varcato le porte del museo più di 4 milioni e mezzo di persone, consacrandolo tra i primi 15 musei italiani più visitati in assoluto e primo tra i musei scientifici.   

Solo nel 2023 il MUSE ha accolto 440.500 visitatrici e visitatori, il 54% proveniente da fuori provincia, tra i quali 52.024 studentesse e studenti in visita autonoma. Tra le scolaresche, moltissime optano per visite guidate, laboratori o attività a tema (nel 2023 si contano circa 90.000 alunne e alunni). Di queste, il 75% provengono da Trentino, Veneto e Lombardia, suddivise in uguale proporzione.    

Il momento clou dell’anno appena trascorso: la grande festa del suo decimo compleanno (22 luglio 2023) che ha animato per 10 ore il MUSE nei suoi spazi interni ed esterni con laboratori, video mapping, talk, spettacoli e musica, che ha richiamato oltre 10 mila presenze.

Il Presidente Stefano Zecchi evidenzia il nuovo percorso culturale di dialogo interdisciplinare tra l’approccio scientifico e la dimensione umanistica intrapreso dal museo. Una novità nel panorama museale internazionale quanto mai necessaria per affrontare le grandi sfide della nostra contemporaneità. Per uno sviluppo sostenibile non solo ambientale ma anche umano, sociale, educativo.

“Lo spazio espositivo del museo è particolare e, grazie al suo design, offre fin da subito una dimensione fisica di grande attrattività e confidenza” – spiega il direttore Michele Lanzinger. “La spazialità del museo si affianca a un approccio “informale” nel modo di offrire i contenuti scientifici, creando un’esperienza di visita per la quale l’apprendere concetti nuovi di natura e scienze non è percepito come un ostacolo cognitivo ma come un’esperienza di benessere, generata proprio dalla sensazione di arricchimento personale dato dal “saperne di più”. Da segnalare inoltre la grande attenzione all’accessibilità e i programmi ideati e realizzati per i diversi pubblici con disabilità o in situazione di marginalità. Un museo importante per lo stile espositivo, per i contenuti che vanno oltre all’esposizione seriale di oggetti, per l’attenzione all’accessibilità e infine per l’esperienza di visita, memorabile e meritevole di racconto”.

La festa a Trento per il decimo compeanno ha richiamato 10.000 persone ed è stato uno show di luci ad illuminare la struttura ideata da Renzo Piano, inaugurata nel 2013.

 

***

MUSE, la città della Scienza

(Corona Perer)  - E' il museo dei record, una nave che ha un solido timoniere: il direttore Michele Lanziger ha saputo traghettare il "vecchio" e storico museo delle scienze in quello nuovissimo, sorto nel 2013 dal progetto di Renzo Piano, divenuto in breve temo una macchina che produce utili per l'intera provincia. Insomma un piccolo miracolo imprenditoriale che in sette anni ha collezionato continui record. Il turista che prima andava a Trento e non se ne tornava senza una visita al Castello Buoconsiglio, ora aveva il MUSE tra i suoi desiderata.

E' un museo che fa ricerca. Lo fa da quando è nato (nella seconda metà dell'800). Costituito "museo provinciale" il 14 novembre 1964.Ma il Muse è soprattutto macchina di scienza:  collabora con oltre 80 partner internazionali tra istituti, enti di ricerca e fondazioni, con 142 istituzioni in Italia e all’estero: ben 95 realtà con sede in Trentino, 10 in Alto Adige, 26 nelle restanti regioni italiane e 11 realtà internazionali con sede in Italia.

Michele Lanzinger lo guida dal '92. Lanzinger è anche il nuovo presidente di ICOM Italia, ovvero l'International Council of Museums, il principale network mondiale di musei e professionisti museali. Resterà in carica per il triennio 2022 - 2025.

La qualità dello spazio espositivo, grazie al lavoro di Renzo Piano, emerge. Ma i musei scientifici, in realtà, non sono spazi espositivi, bensì luoghi di ricerca. Mentre il museo artistico storicizza, conserva e "mostra", una realtà come il MUSE esiste sulla base di progetti e questo museo è sempre stato un luogo di riferimento per la società sia austriaca. Tutti i suoi ricercatori hanno l'obbligo di dimostrare la qualità del loro lavoro con pubblicazioni scientifiche, partecipano a convegni internazionali e questa conoscenza di prima mano  permette di fare didattica e formazione. Il Muse gestisce tra l'altro l'area di documentazione geologica che è stata affidata dalla Fondazione Dolomiti Unesco.

Nel 2020  il Muse è entrato con due riconoscimenti prestigiosi conseguiti nel 2019: è stato riconosciuto dall’UNICEF "Museo Amico dei bambini e degli adolescenti" ed è entrato a far parte del “Water Museums Network”, la Rete Globale UNESCO dei Musei dell’Acqua istituzioni museali chiamate a promuovere e supportare nuove visioni e approcci relativi a usi idrici più sostenibili in linea con le attività delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile.

**

INTERVISTA AL DIRETTORE
(2015)
di Corona Perer

E' certamente un caso di politica museale felice e riuscita. Nei primi due anni di attività aveva già staccato oltre 1 milione di biglietti. Il MUSE disegnato da Renzo Piano, conferma la grande capacità attrattiva del museo e delle sue proposte cultura. Ma è la ricaduta scientifica sulla comunità che va valutata: il MUSE è fra le grandi istituzioni culturali italiane come gli Uffizi a Firenze, Palazzo Pitti e Castel Sant’Angelo.

Direttore, avete una straordinaria dotazione per la ricerca, su cosa investirete?
Da qualche anno la nostra tradizione di ricercatori si è fortemente rafforzata nel campo della biodiversità, dell'idrobiologia, lavoriamo sugli antichi insediamenti umani così come ci occupiamo di geologia e stratigrafia, lavoriamo in botanica. C'è un progetto molto importante, il Nastec, che proseguirà. Vogliamo creare una banca dei semi selezionati e delle specie erbacee con le tecniche di riproduzione per salvaguardare le specie tipiche e caratteristiche in ambito alpino ai fini della qualificazione ed il ripristino ambientale. Poi molto importante per noi approfondire gli studi sui cambiamenti climatici, lo stiamo facendo ormai da molto tempo.

Il tutto con personale interno?
Certamente. Tra l'altro i nostri ricercatori hanno l'obbligo di dimostrare la qualità del loro lavoro con pubblicazioni scientifiche, partecipano a convegni internazionali e questa conoscenza di prima mano ci permette di fare didattica e formazione. I ricercatori sono i consulenti dei nostri educatori e delle guide cioè di coloro che poi "comunicano" la scienza al visitatore. Senza ricerca scientifica questo museo perderebbe senso perciò con i fondi stanziati che peraltro confermano la dotazione finanziaria  che ci è sempre stata riconosciuta, proseguiremo nel lavoro. Il Muse gestisce tra l'altro l'area di documentazione geologica che ci è stata affidata dalla Fondazione Dolomiti Unesco.

E come costi cosa significa oggi il MUSE rispetto alla sua prima vita di Museo Tridentino di Scienze Naturali?
Guardi, posso dirle in assoluta tranquillità che non c'è uno scarto rilevante tra quello che costavamo prima e adesso. In proporzione costiamo quello che abbiamo dichiarato di costare nel 2003. Certo, il differenziale è dato dal maggior numero di personale distribuito nelle sale, ma il territorio in termini complessivi ne ricava molto di più e posso dire che ci ha solo guadagnato: in crescita occupazionale, entrate da ticket, indotto economico. Se poi si considera che Muse significa un network di 9 musei disseminati sul territorio, si capisce la mole gestionale in capo a questo museo.

Immagino lei sia contento di vedere le code e le attese per un parcheggio...
A dire il vero a volte mi sento più che altro imbarazzato. Certo fa piacere che il museo sia percepito dai turisti come il complemento alla propria vacanza, mi piace che sia vissuto come esperienza divertente dalle famiglie, oppure occasione di studio da parte delle molte scolaresche. Spiace tuttavia delle lunghe ore di coda.  Mi piace che persino gli anziani vengano a visitarci perché vuol dire che si è sviluppata una significativa attrattiva inter-generazionale, ma allo stesso tempo ci riteniamo un museo per i trentini, un museo “civico”, nel quale la comunità si riflette. Vogliamo quindi continuare ad essere anche un centro culturale di interesse locale ,vengono da qui le recenti scelte di realizzare mostre che attingono dalla creatività e dalla vivacità culturale del Trentino.

Direttore, a suo avviso c'è ancora qualcosa che non è stato detto di questo museo celebrato dai media e premiato dal pubblico?
Sì, spesso si sosta soprattutto sulla qualità dello spazio espositivo, che nel nostro caso appare ovviamente prevalente all'occhio esterno grazie al lavoro di Renzo Piano. Ma i musei scientifici, in realtà, non sono solo spazi espositivi, sono anche importanti luoghi di ricerca. Mentre il museo artistico storicizza, conserva e "mostra", musei come il nostro si basano  soprattutto sui progetti e sulla capacità di ricerca che sanno esprimere. Questo museo è sempre stato un luogo di riferimento per la società sia austriaca, prima della Grande Guerra,  sia successivamente italiana, per individuare strumenti utili anche alla gestione naturalistica del territorio. Lo ha poi potuto fare ancora meglio con l'Autonomia, accrescendo la sua dotazione di ricercatori, interpretando la necessità di dotarsi di strumenti di conoscenza e ricerca per la tutela e la protezione del suo territorio.

(C.Perer)
giugno 2015

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati