Scienza, Ambiente & Salute

Lupo: 13 branchi accertati in Trentino

Il monitoraggio affidato al MUSE di Trento

I pastori sono da tempo in allarme: il lupo da tempo fa le sue "naturali" scorribande da predatore. I branchi sono del resto cresciuti e ormai ci sono dati certi: sono 13 quelli accertati dal monitoraggio della PAT a fine 2019. In Trentino sono 32 le aree campione con probabile presenza di branchi.

Il monitoraggio del Lupo viene compiuto dal MUSE. Il personale e i collaboratori del museo, infatti, in collaborazione con il Servizio Foreste e Fauna della Provincia e i volontari di tante realtà del territorio (Associazione Cacciatori Trentini, SAT, Io non ho paura del lupo, Associazione Italiana Guide Ambientali escursionistiche e WWF Trentino)  hanno avviato l'ambizioso progetto di monitoraggio: si tratta di ispezionare  circa 60 itinerari prestabiliti fino a marzo 2021.

Dopo il grande riconoscimento del primo LIFE Wolfalps, premiato nel maggio 2019 a Bruxelles come migliore LIFE Natura d’Europa, ora si lavora al nuovo Progetto LIFE Wolfalps EU (2019-2024), che ha l’ambizione di coordinare tra loro le istituzioni alpine per migliorare la convivenza tra uomo e lupo nei loro territori. Francesca Marucco, è la coordinatrice scientifica del progetto e docente del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell'Università di Torino.

foto: Gabriele Cristiani

Sloveni, Austriaci, Francesi, Svizzeri e Italiani  si confrontano quotidianamente per implementare al meglio il monitoraggio della specie, la prevenzione dai danni su domestici, la gestione dell’ibridazione e del bracconaggio, etc.

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)