Viaggi & Reportages

Venezia compie 1600 anni

La città presenta (insieme a Firenze) un decalogo per la ripartenza

Riscrivere il futuro di Venezia, se ne parla da tempo, specie ora che la città compie 1600 anni. L'ultimo di questi è stato terribile: se aveva sognato di liberarsi delle orde dei turisti, un virus l'ha accontentata, ma azzerando tutto. E Venezia non immaginava certo una simile debacle. Ciò nonostante  i preparativi per le celebrazioni  dei 1600 anni di fondazione della città sono proseguiti

Proprio per questo il dibattito su quale turismo e la nuove forme di trismo è più vivo che mai.

Le proposte non mancano, c'è anche un decalogo che parla di sgravi fiscali, per almeno un triennio, per l’acquisto di pacchetti, locazioni e servizi turistici in Italia per rilanciare il settore e bilanciare la diminuzione del reddito degli italiani, superando le criticità del ‘Bonus vacanze’; una norma nazionale che richieda l’abilitazione specialistica per lo svolgimento di professioni turistiche nei centri storici dei capoluoghi metropolitani patrimonio dell’Unesco.

Ma serve anche un incremento del Fondo nazionale per il trasporto pubblico locale, proposte normative per le locazioni brevi con finalità turistiche e norme speciali per limitare le attività commerciali o i prodotti in libera vendita, preservando il rischio di un abbandono delle attività commerciali di vicinato, norme speciali per garantire il decoro e la sicurezza urbana nelle città.

Il decalogo, presentato dai sindaci di Firenze Dario Nardella e di Venezia Luigi Brugnaro, contiene dieci proposte, elaborate recependo le proposte delle categorie economiche e sociali, che possono contribuire alla rigenerazione urbana, coniugando in modo innovativo turismo, ambiente, cultura, servizi, tecnologia, commercio e residenzialità.

''Siamo convinti che questo Governo possa fare bene, ma è necessario che apra una discussione seria con i sindaci che hanno voglia di ripartire immediatamente'' dicono i due primi cittadini.

Speriamo accada presto. Per il bene del Sistema Italia.

 

 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)