Attualità, Persone & Idee

Gioventù bruciata

di Isabella Bossi Fedrigotti

di Isabella Bossi Fedrigotti  - Dalla cronaca (nera) del giornale: “Una ragazza chiama i carabinieri, piange, dice di non sapere dove si trova e di essere stata violentata dal conoscente di un amico.”

L’ennesimo episodio di violenza, sospira esasperato il lettore (e ancora di più la lettrice), chiedendosi quando infine gli uomini impareranno a non considerare le donne al pari di selvaggina.

Poi, giorni dopo, le cronache aggiungono dettagli del fattaccio. La ragazza ha 35 anni e in casa di un amico, dove si trovava anche un’altra persona, ha passato una serata di alcool e di droga. Ad un certo momento ha avuto un rapporto sessuale consenziente con l’amico il quale poi abbandona l’appartamento. A questo punto si fa avanti l’altra persona e avviene la violenza poi denunciata ai carabinieri.

Vero che non ci sono scuse per lo spregevole stupratore, però si tende a comprendere il giudice tentato di condannarlo al minimo della pena.


Autore: Isabella Bossi Fedrigotti

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati