Arte, Cultura & Spettacoli

Magnifica Haydn nel repertorio viennese di Strauss

Debutto trionfale per Erich Polz nei concerti di Capodanno

Teatro Zandonai delle grandi occasioni e concerto tronfalmente sancito da applausi e bis a ripetizione  per Erich Polz direttore nel primo dei concerti di Capodanno previsti dalla  tuorneè regionale dell'Orchestra Haydn.

Al pubblico di Rovereto, caloroso oltre che numeroso, è stato offerto un godibile repertorio di walzer e polke firmati da Johann e Joseph Strauss con incursioni nelle romanze di Robert Stolz grazie alla voce del tenore polacco e “liederista” Jan Petryka nato a Varsavia, diplomato in violoncello a Graz e debutto come Don Ottavio nel Don Giovanni di Mozart con la Israel Chamber Orchestra.

Il Teatro Zandonai ha risposto con calore in una serata che ha anche sancito il debutto sul podio della Haydn del talentuoso Erich Polz, il giovane direttore d'orchestra (nato nel 1985 in Stiria) diplomato al conservatorio di Vienna e già direttore del “Così fan tutte” con i Wiener Sangerknaben.

Polz ha già un curriculum prestigioso e nelle arie gioiose e piene di ottimismo di Strauss si è prodigato con familiarità e classe dirigendo magistralmente il clou finale del concerto, il tanto atteso “Bel Danubio Blu” eseguito dagli orchestrali con grazia e precisione perfette. Alla fine ovazioni per maestro e musicisti che con generosità hanno offerto più di un bis.

Polz, che ha lavorato con l'orchestra sinfonica di Bratislava, è stato borsista dell'orchestra giovanile Gustav Mahler e assistente di Gustav Kuhn con il quale ha collaborato per 4 anni al festival del Tirolo, proseguirà con questo programma fino al 5 gennaio prossimo. Dopo l'ottimo debutto a Rovereto, tocca questa sera a Dobbiaco, il 31 la Haydn sarà a Trento, quindi Merano, Bolzano, Cavalese, Pinzolo e Bressanone dove i concerti di Capodanno si chiuderanno il 5 gennaio. 

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati