Arte, Cultura & Spettacoli

Il presidente del Mart ''Posso fare da solo''

Vittorio Sgarbi e il Museo di Rovereto

Al direttore Maraniello non ha risparmiato bordate (qualsiasi persona con un minimo di amor proprio avrebbe replicato: lui no). Al prof.Zecchi, il collega di Trento presidente del Muse, non le ha mandate a dire. Allo staff non manca di fare presente che occorre maggiore dinamismo. La cronache locali riportano le sue boutade tenendo il conto delle provocazioni.

L'ultima: "...non serve un direttore, di creativo ci sono già io". E a Firenze in occasione della mostra TourismA: "...non sono pagato quindi non devo rendere conto a nessuno" rispondendo alle perplessità generate dalle sue esternazioni.

Rovereto intanto attende le grandi mostre che Sgarbi promette: Caravaggio in autunno (ruoterà attorno ad un'unica opera) e Chagall a luglio. Vedremo nei fatti se la rinascita del Mart più volte annunciata, saprà tradursi in realtà. Le capacità di Sgarbi del resto sono indubbie: lasciamolo agire in piena autonomia.
Un solista non ammette di dividere la scena con le comparse.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)