Viaggi & Reportages

Locanda In Borgo, che charme!

Borgo Valsugana: la raffinata eleganza di un piccolo hotel

(Borgo Valsugana, Corona Perer) - L'eccellenza vince e conquista. La qualità può battere qualsiasi paura e così alla Locanda In Borgo a Borgo Valsugana, la crisi del turismo creata dalla pandemia è stata attutita perchè qui si è lavorato ugualmente con un altro turismo, quello migliore: lento e sostenibile, che va alla scoperta del paesaggio e trova nel raggio di 30 chilometri laghi e castelli, piste ciclabili, storia e arte. Alla Locanda si è lavorato con i clienti di ritorno, ovvero con chi si è affezionato ed è tornato sapendo di trovare quel che aveva lasciato: un'atmosfera speciale.

Borgo Valsugana è un gioiellino di suo: con i percorsi lungo il Fiume Brenta, le piazze di recente rigenerate, un centro storico ben tenuto e un'offerta culturale che ha nella vicina Arte Sella la sua punta di diamante. Un dettaglio non secondario: la pista ciclabile attraversa il centro storico e gli imprenditori turistici hanno subito intuito che a questo tipo di target bisognava dare servizi e soste di qualità, cioè rigeneranti. Alla Locanda in Borgo oltre all'atmosfera speciale e alla raffinata eleganza, si trova anche questo: il ricovero per le bici e tutto il necessario per piccole riparazioni.

La Locanda è nata trasformando un signorile palazzo risalente al 1775 , in Corso Ausugum, nel cuore di Borgo Valsugana. L’intervento di recupero è stato progettato dagli architetti Dacomo & Leonardi di Treviso coniugando elementi di recupero architettonico (durante i lavori è emerso anche un antico affresco contadino che valorizza l’angolo colazione), con innovative soluzioni di architettura e design. Molti degli spunti vengono però dal titolare Denis Pasqualin appassionato di antiquariato.

Dosando marmo, legno e ferro, ed elementi d'arredo in un armonioso contrasto tra antichità e design, si è arrivati al risultato di un'atmosfera speciale, grazie a colori caldi che avvolgono l’ospite in un climax rassicurante e rilassante e trasformano il soggiorno in una vacanza rigenerante.

Al piano padronale si trova la sala colazione con la grande dispensa, costruita assemblando le vecchie finestre del palazzo e il soggiorno con angolo biblioteca: un’antica cassapanca, recuperata da un mercatino dell’antiquariato,  viene valorizzata da due grandi paralumi disegnati dagli stessi architetti che hanno seguito la ristrutturazione.   

Ogni camera è diversa dalle altre, e tutte sono state realizzate con una grande attenzione al dettaglio,  reinventando spesso gli oggetti: già abbiamo detto della credenza venuta dalle antiche finestre, ma anche la ringhiera di un antico poggiolo è divenuta consolle, le antiche porte del palazzo sono diventate testiere per letti, e così le balaustre in legno recuperate a nuova vita, persino la finestra di un vecchio fienile di un paesino dell’Alto Adige. Un delizioso armadio è stato decorato con un’antica poesia francese. E il tutto si completa con gli scorci che stanno "fuori". Dagli abbaini arriva lo scorcio di Castel Telvana arroccato sulla montagna sovrastante la Locanda o l’imponenza del campanile del Temanza che svetta sull’abitato di Borgo. Basta aprire una finestra ed ecco il campanile, oppure la casa antica del palazzo dirimpettaio, la coorte interna con il giardinetto riservato e privato.

Un'ottima pasticceria è stata annessa al Garni e qui arriva ogni giorno da Bassano del Grappa la patisserie fresca accanto a prodotti tipici locali di questa parte del Trentino che ha dato i natali ad Alcide De Gasperi e a tutt'oggi è la prima area al mondo ad essere riuscita a certificare la sostenibilità del proprio turismo.

Grazie al lungimirante investimento dei proprietari, Locanda in Borgo lavora tutto l'anno. Chi pedala, chi va ad Arte Sella, chi viaggia da solo per lavoro (una bella fetta della clientela della Locanda). Tutti trovano il luogo giusto per una sosta confortevole in stanze dotate di ogni servizio oggi fondamentali: dal wifi all'aria condizionata, dove puoi riposare, ma anche lavorare. E ci sono anche tre piccoli appartamenti duplex con travi a vista in abete, per esigenze familiari, con angolo cottura e le comodità di una casa-vacanza. In periodo di smart-working sono la soluzione ideale per chi può far abbinare la vacanza al lavoro.

Non manca il must: nel sottotetto della Locanda c'è l'area wellness con la stanza del sale,  il bagno turco,  la sauna finlandese, la doccia rivitalizzante per momenti di autentico benessere. In questo periodo, le normative anti-Covid19 non ne consentono l'utilizzo, ma sono l'autentica ciliegina sulla torta anche per la raffinatezza con la quale sono state concepite. Voto finale? Dieci & Lode!
 


1775 Locanda in Borgo
Corso Ausugum, 90
38051 Borgo Valsugana (Trento)
tel. 0461 757103
info@locandainborgo.it


Autore: Corona Perer

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)