Viaggi & Reportages

Adottare una mucca...piace !

Da 16 anni l'iniziativa della Valsugana e del Lagorai

C'è persino un catalogo con le loro foto. Carolina, Isolina, Nuvola, Juventina, Regina sono distribute insieme a molte altre "colleghe" nelle 14 malghe che hanno aderito al programma e sono pronte a consegnare simbolicamente il dono, che però resta sul luogo come accade nelle adozioni a distanza.

“Adotta una mucca” è ormai una collaudata iniziativa che va avati da 16 anni in Valsugana e nel Lagorai. Ad oggi sono 1750 le mucche adottate. L'iniziativa è nata per far conoscere la natura incontaminata delle sue montagne: insegna come si produce il formaggio secondo metodi antichi e aiuta a capire cosa significa vivere in una malga e portare le mucche all'alpeggio.

Per entrare in possesso della mucca c'è un bonifico da fare e nemmeno esoso: per adottarla bastano 60 euro: 50 vengono destinati alla malga che manterrà la "nostra" mucca, gli altri10 vanno in beneficenza per progetti dedicati ai bambini.

L'iniziativa ha avuto sucesso e dopo una prima fase sperimentale, è stata confermata. Come fare? Basta scegliere la malga che piace di più, cliccare sulla mucca preferita e seguire le istruzioni per completare l'adozione. Il catalogo è publicato online (> clicca qui).  La procedura parte con il bonifico, poi si manda la ricevuta che attesta l’adozione di una mucca della Valsugana e del Lagorai completando un form su www.visitvalsugana.it

E dopo che succede? Le possibiltà sono tante; anzitutto si può andare in malga a far visita alla mucca durante il periodo dell'alpeggio (da metà giugno a metà settembre) anche perchè l'adozione dà diritto a ricevere prodotti caseari di malga per un importo pari a 50 euro, ma all'unica condizione di andare a trovarla di persona.

La scelta di cosa portarsi a casa spetta ovviamente a chi adotta: formaggi freschi e stagionati, ricotte, burro, tosella e latte fresco. Chi non ritira i prodotti (lo si può fare durante l'alpeggio, e cioè dal 15 giugno al 15 settembre) lascia i prodotti ai progetti di beneficenza del programma.

La parte solidale del progetto “Adotta Una Mucca” promosso dall’ Apt Valsugana Lagorai, Terme, Laghi viene donata per ristrutturare una stalla di una comunità bosniaca che ancora oggi patisce le conseguenze e i danni della devastazione della guerra e di nuovi totalitarismi.

Ma l'adozione consente anche una gita periodica in un contesto naturale di grande pregio. La Valsugana è la prima destinazione al mondo che ha ottenuto la certificazione per il turismo sostenibile secondo i criteri del GSTC, organizzazione nata per volere della Nazioni Unite per concretizzare i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Developement Goals). Un risultato di straordinaria rilevanza, che ha premiato lo stile di vita e i valori che da sempre contraddistinguono questa valle.

Per preservarla e tramandarla alle generazioni future, chi promuove il turismo in Valsugana si appella ai turisti: rallentare i ritmi, evitare l’utilizzo della macchina, ridurre la produzione di rifiuti, acquistare prodotti locali ed entrare in relazione con le comunità contribuiscono a preservare, apprezzare e amare i luoghi e al tempo stesso fanno della vacanza un’esperienza memorabile da portare 'dentro' insieme alla consapevolezza di aver contribuito a rendere il mondo un posto migliore. L'adozione di una mucca fa parte di questo disegno...sostenibile.

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)