Viaggi & Reportages

Vacanze al lago

Valsugana: tra chiare e fresche acque

Una Pasqua diversa? E perchè non fare un picnic al lago anzichè stare per ore seduti al ristorante durante il tradizionale pranzo di Pasqua?

Basteranno una coperta e una chitarra, ottima compagnia e tanto cibo! E per chi è restio a sdraiarsi sul prato, al lago di Levico potrà trovare gazebi attrezzati con tavoli e panchine.                                     

Sarà l'occasione per una salutare passeggiata nella natura. Il relax lungo il lago di Levico è unico. E la Pasqua sarà una vera domenica di pace.

Può essere anche l'occasione per abbinare un bel giro in bicicletta. I più alleenati possono prendere la strada che sale da Levico Terme fino a Vetriolo; mentre per chi desidera trascorrere qualche ora pedalando, la ciclabile della Valsugana è un’ottima alternativa, non vincolante grazie all’eventuale ausilio del treno per il ritorno.

Oppure si può scegliere per un trekking tra i castelli della Valsugana. Partendo da Borgo Valsugana, appena superato il monastero delle Clarisse, si trova l’indicazione “Il sentiero dei castelli”, lo si percorre fino ad arrivare nei pressi di Castel Telvana, non visitabile internamente. Poi, proseguendo fino al bivio dove è situato un capitello, si svolta a sinistra lungo la strada fino a giungere all’indicazione per Castel San Pietro.

Imboccato il sentiero, in trenta minuti arriverete alla cresta del monte Ciolino, dove troverete le due muraglie sopravvissute dell’antico castello. Scendete lungo la strada forestale fino ad un’area picnic. Da qui imboccate il sentiero della Via Crucis con le stazioni scolpite nel legno. Risaliti fino alla frazione Parise, prendete la strada verso Castellalto. Arrivati all’ultimo castello non resta che scendere verso la località Belvedere di Telve e da qui poi tornare a Borgo.

L'itinerario totale dura sei ore, nonostante la presenza di centri abitati, si consiglia di portare con sé sufficiente acqua e cibo.

                               

info: APT VALSUGANA LAGORAI

**

Laghi della Valsugana: tra chiare e fresche acque

I Laghi della Valsugana si sono visti riconfermare il prestigioso riconoscimento internazionale della Bandiere Blu d’Europa grazie all’impegno del territorio nella promozione di un turismo all’insegna della sostenibilità.

La Bandiera Blu  sventolerà anche in questa stagione estiva, un po’ diversa dal solito, sulle spiagge dei Laghi di Levico e Caldonazzo a dimostrazione della qualità delle acque, dei servizi a disposizione degli ospiti sui laghi e nelle località lacustri, nonché della gestione sostenibile del territorio.

 

Il riconoscimento viene dato alle località balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio, sensibilizzando quindi le scelte politiche verso la cura e l’attenzione all'ambiente. Tra i numerosi criteri oggetto di valutazione rientrano la qualità delle acque di balneazione, l’educazione e le iniziative ambientali, la spiaggia, gli stabilimenti balneari, il turismo, la pesca e la gestione dei rifiuti.

Questo riconoscimento permette di valorizzazione a livello internazionale i Laghi della Valsugana e rientra nel pieno degli obbiettivi della certificazione di turismo sostenibile che la Valsugana ha ricevuto l’anno scorso, come prima destinazione al mondo, rispettando i criteri del Global Soustainable Tourism Council.

E sui laghi si sta anche pensando come accogliere al meglio gli ospiti in sicurezza.
Se da un lato è in fase di definizione un protocollo di gestione delle spiagge pubbliche da parte delle diverse amministrazioni comunali con la Provincia e l’Azienda Sanitaria, dall'altro i privati stanno facendo le prove di simulazione su come potranno essere gestiti gli spazi di loro competenza andando a ridurre sensibilmente il numero di presenze al fine di garantire la massima sicurezza per tutti.

Il quotidiano "The Times" ha definito il Lago di Levico  uno dei 7 laghi più "visitabili" in tutto l'arco alpino: dolce, accessibile. Sembra quasi un fiordo norvegese e l'ambiente che lo circonda induce alla pace dell'anima. Il vero relax si gusta sempre attorno ad un lago. Attorno al lago si snodano bellissimi sentieri.

La Passeggiata dei Pescatori ha una lunghezza moderata (4,5 km) e si compie agevolmente in un'oretta. Potrebbe essere l'attività giusta dopo aver gustato le Terme di Levico che hanno reso questa località famosa per l'unicità delle sue acque e per  fare delle piacevoli passeggiate sul lungolago e sulle montagne circostanti. I laghi dispongono di spiagge libere alberate dotate del servizio “spiagge sicure” con la presenza di bagnini in modo continuativo nei mesi estivi.

Chi sceglie la Valsugana per una vacanza va nella prima destinazione al mondo che ha ottenuto la certificazione per il turismo sostenibile secondo i criteri del GSTC, organizzazione nata per volere della Nazioni Unite per concretizzare i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Developement Goals). Un risultato di straordinaria rilevanza, che ha premiato lo stile di vita e i valori che da sempre contraddistinguono questa valle.


info: APT VALSUGANA LAGORAI

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Commenti (0)

Articoli correlati