Scienza, Ambiente & Salute

FBK patner di Oms contro il Covid19

Mission: monitorare la pandemia in base ai dati disponibili

Una nuova partnership tra l'Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) e la Fondazione Bruno Kessler di Trento (FBK), porterà l’unità di ricerca CoMuNe (Complex Multilayer Networks) – che si occupa di analisi e modellazione dei sistemi complessi – a fare un concreto passo avanti  per il monitoraggio sulla pandemia.

A renderlo possibile è l'Osservatorio FBK, preziosa risorsa che offre un punto di partenza iniziale per studiare il risvolto infodemico della pandemia, stabilirne il livello di rischio nei diversi paesi e individuare di conseguenza delle azioni compensative e di contenimento. Partendo da queste premesse, i partner svilupperanno una “cassetta degli attrezzi” completa e un insieme di buone pratiche da mettere a disposizione dei decisori politici di tutto il mondo per fronteggiare la crisi infodemica da COVID-19 ed eventuali altre crisi future.

La squadra di ricercatori FBK, guidata da Manlio De Domenico (Responsabile del CoMuNe Lab di FBK) è già al lavoro per sviluppare una piattaforma di big-data per il monitoraggio in tempo reale della diffusione della cattiva informazione e della disinformazione nel mondo.

“L’informazione viaggia più veloce del virus del COVID-19, ma l’evoluzione è strettamente connessa al contesto geografico di riferimento: sono entrambi una minaccia per la salute pubblica”, afferma Manlio De Domenico. “Quantificare il rischio infodemico è molto importante per poter poi prendere decisioni adeguate e per individuare politiche ad hoc per ridurre e arginare le minacce alla salute pubblica”.

I dati analizzati vengono studiati dall’infodemiologia, per meglio comprendere i meccanismi alla base dell’infodemia da COVID-19. I risultati vengono poi utilizzati dal Prof. Pierluigi Sacco (ricercatore associato presso FBK; professore associato presso il Berkman-Center of Internet & Society della Harvard University; responsabile della sede dell’OECD di Venezia e professore alla IULM di Milano) per analizzare i meccanismi socio-comportamentali in essere dietro alla creazione, diffusione e amplificazione di informazioni tendenziose e fake news e per mettere a punto di conseguenza strategie di compensazione e contenimento.

L’Osservatorio sull’infodemia da COVID-19 è una collaborazione che durerà sei mesi, finalizzata allo sviluppo di una piattaforma computazionale per il monitoraggio interattivo e la visualizzazione dell’infodemia sui social media e per fornire un report dello stato della stessa a livello mondiale. L’iniziativa è il primo progetto in FBK finanziato dall’OMS e pone le basi per trasformare la Fondazione in un centro per il controllo dell’infodemia in diretta collaborazione con l’OMS.

Il CoMuNe Lab è un laboratorio di ricerca interdisciplinare e computazionale presso il dipartimento di Digital Society della Fondazione Bruno Kessler. Il laboratorio studia i sistemi complessi - come la nostra società, per esempio - analizzando i fenomeni di massa emergenti nelle reti socio-tecniche e il loro impatto sulla società. La ricerca portata avanti nel laboratorio mira a definire in modo più puntuale l’insorgere delle infodemie nel corso di eventi eccezionali come la pandemia di COVID-19, quantificando l’evoluzione spazio-temporale del rischio per paesi esposti a una sovrabbondanza di cattiva informazione e disinformazione online.

E intanto è al via il nuovo modello organizzativo della Fondazione che punta sull'eccellenza scientifica, autofinanziamento e innovazione, con un particolare focus al marketing strategico e allo sviluppo business. Per i suoi nuovi Centri di ricerca FBK cerca 5 Direttori o Direttrici in sicurezza informatica, società digitale, salute e benessere, industria digitale ed energia sostenibile.

Ampliare l’orizzonte delle responsabilità interne aumentando l’integrazione delle proprie linee e attività di ricerca e innovazione; acquisire nuove competenze manageriali; accrescere la capacità di finanziarsi con risorse proprie; rafforzare la propria abilità nell’attrarre e sviluppare talenti; avviare un riequilibrio generazionale e di genere. Sono questi gli obiettivi dell’aggiornamento del modello organizzativo e operativo che la Fondazione ha avviato nei giorni scorsi, su mandato del proprio CDA. La call internazionale per individuare cinque direttori o direttrici dei nuovi centri di Ricerca scade il 31 luglio 2020. Le manifestazioni di interesse vanno inviate alla pagina https://jobs.fbk.eu/  dove sono presenti tutte le info.

Tutti i dettagli  anche su www.fbk.eu

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati