Scienza, Ambiente & Salute

Vaccini e Autismo: la ricerca danese

...finanziata dalla Novo Nordisk. Tutto bene? No.

Il Corriere della Sera segnala che una “nuova ricerca danese evidenzia ancora una volta che non esiste un legame tra il vaccino del morbillo con il rischio di sviluppare l’autismo”.

La ricerca ha coinvolto circa 650 mila bambini nati in Danimarca tra il 1999 e il 2010. Di questi, 6.517 hanno sviluppato malattie dello spettro autistico, e gli studiosi hanno concluso che non è stata rilevata nessuna differenza del rischio di contrarre l’autismo tra bambini vaccinati e bambini non vaccinati. L'articolo si legge qui: clicca

L'articolo purtroppo non spiega chi ha finanziato lo studio: la Novo Nordisk Foundation (NNF) e il Ministero della Salute danese. La fondazione è proprietaria della Novo Nordisk A/S multinazionale farmaceutica che ha legami di maggioranza in più di altre 75 compagnie. Nel 2013 ha dovuto sborsare 480 milioni di euro per una controversia sui prezzi dei suoi farmaci.

Nel 2017 ha accettato di versare 58 milioni di dollari al Dipartimento di Giustizia americano per porre fine ad una controversia legata alla possibilità che un suo farmaco contro il diabete potesse far sviluppare il cancro ai pazienti. Il suo campo di interesse principale è nei farmaci contro il diabete. Alcuni studi tendono a dimostrare che alcuni vaccini possano causare il diabete. Tra gli altri investimenti della NNF troviamo la Minervax, produttrice di vaccini. In più, La NNF ha inoltre legami con Sanofi, Merck, due tra le più grandi industrie farmaceutiche al mondo e principali produttrici di vaccini.

E veniamo agli autori dello studio: tre di loro appartengono allo State Serum Institute danese, legato alla AJVaccines (azienda privata che ha preso in carica la produzione di vaccini). Come  chiedere all’oste se il vino è buono e poi sorprendersi quando ti dice che è buonissimo.

Infine: il tema della ricerca. Passi pure il “sottile” conflitto di interessi, ma è stata fatta bene? No. Non si mettono a confronto bambini vaccinati (per qualsiasi cosa) contro bambini non vaccinati per nulla. Andando a guardare la tabella riepilogativa della coorte di bambini scelti per lo studio, però, ci accorgiamo che dei 31 mila bambini del campione “non vaccinato”, 5.600 avevano ricevuto un vaccino pentavalente, e altri 21.000 avevano ricevuto 2 o più altri vaccini. Solo 4.700 non avevano ricevuto nessun vaccino in assoluto (il 14% dei “non vaccinati”). Certo, non avevano ricevuto, tra i vaccini, l’MMR, ma i ricercatori dovrebbero avere il buon cuore di spiegare per quale motivo non può proprio essere che un soggetto predisposto non possa sviluppare l’autismo a seguito del vaccino contro la pertosse (che è stato dato alla stragrande maggior parte del campione “non vaccinato”), ma dovrebbe aspettare proprio l’iniezione di MMR.

Concludendo: uno studio su dei vaccini che ha dei limiti piuttosto forti. Ma, è certamente utile. A chi li produce.

 

qui > notizia sul Corriere:
qui > lo studio danese
 

 


Autore: Manuel D'Elia

www.giornalesentire.it - riproduzione riservata*

Gallery

Commenti (0)

Articoli correlati